Benvenuti in I.PaC

Lo spazio dati nazionale del patrimonio culturale

In evidenza

I.PaC è

integrazione e federazione dati patrimonio culturale digitale innovazione tecnologica servizi digitali contesti e relazioni nuova conoscenza partecipazione culturale condivisione e collaborazione

LOGO 1

Infrastruttura

I.PaC, l’Infrastruttura e servizi digitali per il Patrimonio Culturale, è lo spazio dei dati progettato per conservare, gestire e arricchire il patrimonio culturale digitale del Paese, in linea con le principali strategie nazionali ed europee. Nasce dall’esigenza di superare la frammentarietà dei sistemi di fruizione e dal bisogno di gestire dati stratificati ed eterogenei per formato, tipologia, dominio di appartenenza e politiche di protezione, secondo modelli concettuali flessibili e in sicurezza.

I.PaC presenta un complesso sistema di servizi digitali avanzati, basati su tecnologie innovative orientate al Cloud. Implementa funzioni relative alla gestione e all’arricchimento delle risorse digitali, fondate sia su modelli e schemi predefiniti (motori a regole e ontologie) sia su algoritmi di intelligenza artificiale (AI), ed espone un ampio catalogo di API di cooperazione applicativa (in lettura e scrittura) relative a dati di dominio e cross-dominio.

nuova

Scenario di riferimento

Lo sviluppo di I.PaC, e più in generale di un ecosistema digitale del patrimonio culturale italiano, rientra tra le azioni strategiche delineate nel Piano nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale, e si inserisce all’interno del più ampio progetto di trasformazione digitale promosso dalla Digital Library del Ministero della Cultura per il quinquennio 2022-2026.

icona_pixel_w
icona_pixel_w

La mappa dei servizi I.PaC

Gestione
e processamento
risorse digitali

Grafi
della conoscenza
di dominio

Saas -
Teca Multimediale

Grafi
della conoscenza
cross-dominio

Gestione e processamento risorse digitali

La macroarea di servizi Gestione e processamento delle risorse digitali mette a disposizione dei sistemi integrati gli strumenti necessari per la conservazione, l’elaborazione e la presentazione delle risorse digitali afferenti al patrimonio culturale conferite all’infrastruttura.  

I.PaC è flessibile nella gestione delle risorse, in considerazione delle specificità dei soggetti titolari dei sistemi integrati, della tipologia di beni culturali conferiti, del relativo formato e delle politiche di protezione da applicare per la loro fruizione.  

I sistemi integrati possono quindi gestire le proprie risorse digitali e adeguare i propri sistemi attraverso l’invocazione di API primitive, mentre l’accesso da parte degli utenti finali avviene attraverso l’interfaccia di front-end associata a ciascun sistema. Tra i servizi messi a disposizione all’interno di questa macroarea rientrano le funzioni di Content processing avanzato, basate sull’Intelligenza Artificiale generativa, che permettono di arricchire di nuove informazioni i beni culturali digitalizzati.

I servizi principali di questa macroarea, esposti come API standard, sono cinque.

PX-A

Funzioni di Digital Asset Management (DAM)

Il servizio offre ai sistemi integrati funzioni per creare e gestire i dati (CRUD: Create, Read, Update, Delete) appartenenti alla propria area di pertinenza.

PX-B

Content processing

Il servizio offre funzioni che permettono ai sistemi integrati di avviare automaticamente processi di trasformazione dei dati originali per consentire la fruizione e distribuzione dei contenuti digitali online.

PX-C

Content processing avanzato

Il servizio offre funzioni avanzate di elaborazione dei contenuti basate su Intelligenza Artificiale generativa, che permettono ai sistemi integrati di:
• generare nuovi oggetti digitali/media;
• estrarre informazioni rilevanti dagli oggetti digitali/media.
Tali funzioni posso essere utilizzate singolarmente o combinate tra loro secondo opportune logiche e parametrizzazione, al fine di offrire servizi avanzati.

PX-D

Media player

Il servizio consente agli utenti di riprodurre i contenuti digitali utilizzando standard internazionali (es. IIIF), permettendo di operare sui media e facilitando l’interoperabilità e il riuso.

PX-E

Media streaming server

Il servizio permette di processare e fruire i media audiovisivi attraverso una riproduzione dinamica e adattata alle esigenze di fruizione.

FRECCIA

Torna alla mappa dei servizi

Grafi della conoscenza di dominio

I grafi della conoscenza sono rappresentazioni delle relazioni semantiche tra le entità (come ad esempio beni culturali, authority, vocabolari controllati, thesauri) di uno specifico dominio della conoscenza e descrizione e possono essere considerati veri e propri cataloghi collettivi di informazioni aperte e condivisibili.  

I.PaC offre quindi ai Sistemi integrati e/o federati la possibilità di interagire con i grafi di dominio per interrogare e recuperare informazioni di interesse, ma anche di contribuire attivamente all’arricchimento del grafo secondo logiche di catalogazione collettiva.  

Grazie ai servizi basati sui grafi della conoscenza i sistemi che aderiscono a I.PaC possono, ad esempio, individuare nuove relazioni tra i propri beni culturali digitalizzati e arricchirne le descrizioni, contribuendo allo sviluppo della conoscenza relativa ai diversi domini del patrimonio culturale. 

I servizi principali di questa macroarea, esposti come API standard, sono tre.

PX-A

Interrogazione/Recupero

Il servizio permette di visualizzare i risultati ottenuti da una ricerca sui grafi di dominio, interrogare il grafo e recuperare entità, relazioni e/o il grafo nella sua totalità.

PX-B

Scrittura

Il servizio permette di gestire l’incremento del grafo (crea), aggiornarlo (modifica), cancellare entità e/o relazioni e spostare delle informazioni (elimina/fonde), importare massivamente entità e/o relazioni (importa) e allineare cumulativamente il grafo ad entità e relazioni possedute e gestite da un sistema integrato (allinea).

PX-C

Notifiche

Il servizio offre la possibilità di ricevere notifiche relative ad eventi di aggiornamento sui grafi di dominio.

FRECCIA

Torna alla mappa dei servizi

Grafi della conoscenza cross-dominio

I.PaC supera i confini dei domini della conoscenza, consentendo la rappresentazione delle relazioni semantiche tra risorse digitali afferenti a categorie diverse del patrimonio culturale, permettendo l’esplorazione e il recupero di informazioni in modo intuitivo. 

I servizi offerti dai grafi della conoscenza cross-dominio di I.PaC si basano su tecnologie avanzate che permettono di scoprire connessioni inedite ed inaspettate tra i beni culturali.  

Questi servizi sono particolarmente utili per portali di accesso che intendano offrire dei percorsi di fruizione cross-mediali, ad esempio per esplorare le diverse tipologie di beni culturali collegate ad uno specifico territorio, ad un periodo storico oppure ad un certo ambito concettuale, permettendo di ricostruire contesti storici e culturali.

FRECCIA

Torna alla mappa dei servizi

SaaS - Teca Multimediale

Grazie alle funzionalità offerte dalla teca multimediale, le organizzazioni pubbliche e private che condividono i loro beni culturali con I.PaC possono gestire le risorse digitali di pertinenza direttamente dal proprio sistema.

La teca è infatti un’interfaccia utente completa ed intuitiva offerta in modalità Software-as-a-Service (SaaS), che può essere integrata all’interno dei sistemi di produzione del dato attraverso un apposito “widget”.

Mediante la teca multimediale è possibile creare, modificare, ricercare ed eliminare risorse digitali in I.PaC, ma anche eseguire ricerche avanzate e gestire le relative rappresentazioni (renditions) per consentire l’accesso a diverse categorie di utenti.

FRECCIA

Torna alla mappa dei servizi

PROFESSIONISTA DEL SETTORE DEI BENI CULTURALI

PX-VA

Analisi dei testi, tavola dei contenuti e autotagging

Uno storico dell’informazione ha necessità di clusterizzare per tematiche tutti gli articoli di testa contenuti nelle prime pagine del Corriere della Sera tra il 1936 e il 1945. Accedendo alle digitalizzazioni delle stesse, disponibili su I.PaC, potrà richiedere alla piattaforma di estrarre automaticamente le parole chiave individuate in tutti gli articoli da analizzare risparmiando anni di lavoro di ricerca e catalogazione manuale

Estrazione e Mappatura di dati da Schede Catalogo Digitalizzate

Un catalogatore, accedendo a I.PaC, avrà a disposizione la bozza della scheda dell’opera digitalizzata già precompilata con i dati estratti dalle immagini delle schede di catalogo cartacee digitalizzate, semplificando significativamente il processo di revisione della catalogazione

Informazioni su sequenza fisica

Un catalogatore sta effettuando alcuni controlli sulle singole pagine digitalizzate di un quotidiano storico del 1936. Accedendo alla TECA di I.PaC per la gestione della propria tenacy può̀ visualizzare le singole pagine del quotidiano digitalizzato oggetto di controllo già̀ nell’ordine corretto. I.PaC riconosce quindi automaticamente il numero indicato sulla pagina digitalizzata e la mostra automaticamente nell’ordine corretto.

Riconoscimento testo in cartografia

Un catalogatore di ICCU deve identificare i riferimenti geografici presenti in alcuni arazzi riportanti la campagna italiana a fine '800. Accendendo alle digitalizzazioni degli arazzi su I.PaC tramite il servizio di riconoscimento cartografico, il catalogatore avrà automaticamente a disposizione tutte le informazioni ricavabili dall’analisi geografica delle opere.

Image Hosting

Il proprietario dell’archivio fotografico di uno specifico autore decide di digitalizzarlo e di conservarlo in I.PaC mantenendone la proprietà̀ e sfruttando lo spazio di catalogazione e archiviazione in cloud offerto dall’ecosistema.

FRECCIA

CURATORE DI INIZIATIVE CULTURALI

PX-VA

Biblioteche attive

Una biblioteca di quartiere ha attualmente attivo un progetto sociale per la promozione della lettura tra i bambini presenti nella zona. Il bibliotecario, che deve organizzare il primo di una serie di incontri legati al progetto, decide di accedere a I.PaC e tramite i suoi servizi estrapola alcuni passaggi salienti dai grandi classici della narrativa italiana del '900 per ragazzi di modo da provare a suscitare interesse per quegli specifici autori.

PX-VB

Esperienza personalizzata

Il curatore di una mostra che durante il percorso presenta anche parte dei contenuti digitalizzati in I.PaC decide di offrire un’esperienza personalizzata in base all’utente della mostra. Grazie a I.PaC riesce a elaborare alcuni video informativi per presentare il contenuto della mostra durante il percorso. Ciascun video è differenziato per la categoria di utenti a cui si rivolge. A differenti orari durante il percorso vengono mostrati video diversi variando l’esperienza di visita.

PX-VC

Museo multilingue

Un museo dell’entroterra siciliano si trova improvvisamente preso d’assalto dai turisti per via dello spopolare di un video sui social network. Il museo non è pronto a gestire visitatori stranieri in quanto non è mai successo prima. Il Direttore del museo, che sa che le collezioni sono state digitalizzate in I.PaC, decide di preparare una guida alla visita tradotta automaticamente in diverse lingue di modo da poter soddisfare anche i turisti stranieri.

PX-VD

Traduzione risorsa sonora/video in testo scritto

Luca purtroppo a 17 anni a causa di una manovra sbagliata durante un'immersione ha perso parzialmente l’udito. Luca è in visita con la scuola al Museo Nazionale Romano. La mostra permanente si apre con un video di spiegazione che purtroppo Luca non può̀ udire. Per ovviare alle problematiche delle persone con problemi di udito, il direttore del museo decide di caricare il video in I.PaC di modo che l’infrastruttura realizzi una trascrizione stampabile da consegnare all’inizio del percorso.

PX-VE

Generazione di Descrizioni Immagini

Il Dott. Rossi, curatore della mostra per l’esposizione permanente del medagliere del Museo Nazionale Romano digitalizzato in I.PaC ha bisogno di rinnovare le didascalie per le descrizioni delle monete esposte. Grazie ai servizi di I.PaC, il Dott. Rossi ricerca tutte le monete esposte nella collezione e automaticamente ottiene una descrizione accurata e completa degli opportuni metadati da utilizzare per aggiornare le didascalie dell’esposizione fisica.

PX-VA

Riproduzione sonora di testo scritto

Marina, una persona non vedente, è in visita con un gruppo di amiche alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Purtroppo Marina non può̀ leggere il contenuto delle opere presenti nella Biblioteca. Il funzionario presente nella biblioteca, che nel recente passato è stato coinvolto in alcune attivit̀à PNRR, si ricorda che parte della collezione della BNC è stata digitalizzata su I.PaC. Invita quindi Marina a fare accesso all’Infrastruttura per poter fruire del patrimonio di BNC digitalizzato durante la sua visita ottenendo una riproduzione sonora completamente automatica.

PX-VB

Valorizzazione associazionismo

Nell’ambito dello sport amatoriale, UNASCI raggruppa le associazioni sportive che hanno compiuto almeno 100 anni. L’Unione ha già̀ oggi a disposizione un sito con una sezione dedicata al museo virtuale sulla storia di queste società̀ sportive. Federando i sistemi di UNASCI con I.PaC è possibile valorizzare ulteriormente la storia di queste associazione ampliando la platea dei potenziali visitatori.

PX-VC

Creazione Audioguide

Un museo regionale in Campania sta organizzando una “giornata di apertura dei depositi” organizzando visite guidate alla scoperta del proprio patrimonio in I.PaC. Poich́é si tratta di un evento singolo, il budget a disposizione per le guide non è elevato. Il direttore del museo decide di fare una scelta radicale e di chiedere a I.PaC di costruire in automatico un’audioguida per la giornata allo scopo di illustrare le opere digitalizzate.

PX-VD

Comunicazione targettizzata

Il Direttore di un prestigioso museo nazionale si accorge che i visitatori della struttura sono sempre più̀ anziani. Decide di tentare una campagna di comunicazione per attirare un pubblico più̀ giovane a visitare le collezioni esposte. Per ottenere tale risultato il Direttore chiede al proprio staff dedicato alla comunicazione dell’istituzione di aprire un canale su un popolare social network che propone contenuti video e di pubblicare una serie di animazioni, ottenute grazie a I.PaC, delle opere esposte più̀ famose.

FRECCIA

CEO DI UN'AZIENDA TECNOLOGICA

PX-VA

Insegnante virtuale

Una casa editrice di testi scolastici vuole rinnovare la propria sezione digitale del testo di storia dell’arte per le superiori. Per suscitare maggiore interesse e catturare l’attenzione delle nuove generazioni decide di introdurre un insegnante virtuale. Con la collaborazione di I.PaC la casa editrice decide di sviluppare una versione animata del soggetto presente nell’opera di copertina che possa fungere da guida per le lezioni virtuali.

PX-VB

AI generativa

Lo sviluppatore di una start-up è a conoscenza dell’immenso patrimonio visivo e sonoro digitalizzato in I.PaC. È convinto che da queste preziose risorse sia possibile generare ulteriori risorse innovative. Ad esempio, grazie ai servizi di intelligenza artificiale generativa di I.PaC sarà possibile provare a immaginare un’opera e il soggetto di quest’ultima alle prese con contesto, attività, posa, espressioni differenti.

PX-VC

Stampa e collezionismo 3D

Una start up attiva nella stampa 3D è interessata alle risorse digitalizzate in I.Pac. Accedendo all’Infrastruttura la start-up può scaricare le opere in modelli compatibili con la stampa 3D. A partire da tali modelli è inoltre possibile generare copie digitali univoche certificate per la vendita a collezionisti.

PX-VD

Nuove opportunità̀ di business

Un imprenditore alla ricerca di nuove opportunità̀ di business scopre I.PaC. Accedendo all’Infrastruttura scopre che ha a propria disposizione una serie di data product funzionali alla creazione di un'applicazione innovativa per i turisti stranieri che scelgono di visitare il sud Italia. L’imprenditore chiede allora da I.PaC di produrre ulteriori informazioni che possano arricchire ulteriormente il catalogo dei dati già̀ presente.

FRECCIA

RICERCATRICE PRESSO UN’UNIVERSITÀ

PX-VA

Scoprire relazioni inedite

Uno studente dottorando in Storia dell’Arte Antica ha necessità di approfondire alcuni manoscritti. Accedendo a I.PaC, tramite il patrimonio digitalizzato, ha la possibilità̀ di effettuare una ricerca semantica tra i dati e scoprire nuove relazioni anche cross-dominio.

PX-VB

Riprodurre la musica rappresentata

Un maestro di musica alla scuola elementare sa leggere uno spartito, ma non sa suonare alcuno strumento. Desidera far sentire alla classe la riproduzione di una danza festosa annotata in un quadro del Rinascimento italiano. Accedendo a I.PaC, il maestro può̀ selezionare l’opera digitalizzata rinascimentale di suo interesse e automaticamente isolare la notazione musicale che vi è rappresentata e riprodurla più̀ volte come se fosse suonata da strumenti differenti.

PX-VC

Programmi scolastici innovativi

Un insegnante sta affrontando un argomento del programma strettamente in relazione con il territorio. Ha necessità di poter compiere un approfondimento. Accedendo a I.PaC, nella sezione in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, ha a disposizione una serie di servizi di ricerca avanzata che gli permettono in poco tempo di costruire una lezione personalizzata e innovativa.

PX-VD

Suggerimento relazioni di similitudine tra Risorse digitali

Un ricercatore dell’Università di Bologna è alla ricerca di potenziali collegamenti tra un’opera fotografica che sta studiando ed eventuali altre opere del patrimonio architettonico italiano. Il ricercatore accede a I.PaC tramite il Catalogo Generale dei beni culturali e ricercando l’opera fotografica ottiene automaticamente tutti i possibili collegamenti con le altre opere a catalogo senza dover effettuare ulteriori ricerche.

PX-VE

Riconoscimento entità̀ e produzione abstract

Uno studente laureando in beni culturali ha bisogno di scrivere un breve paragrafo su un’opera conservata nel suo paese natale per contestualizzarla in un discorso critico inserito nella sua tesi e decide di ricercare l’opera in I.PaC. Fornendo all’infrastruttura alcune indicazioni in merito all’oggetto della sua tesi, il giovane laureando richiede a I.PaC la creazione automatica di un abstract per presentare l’opera digitalizzata nel contesto individuato.

PX-VA

Patrimonio culturale territoriale

Il responsabile di un centro di ricerca universitario decide di condurre un’analisi su tutto il patrimonio culturale di una specifica area geografica di suo interesse. Accedendo a I.PaC può̀ effettuare una ricerca cross-dominio che gli permette di circoscrivere tutti i beni del patrimonio culturale di suo interesse.

PX-VB

Trascrizione in notazione moderna

Matteo è un grande studioso di arte classica, ma non dispone degli strumenti necessari per interpretare un prezioso manoscritto che sta analizzando. Accedendo a I.PaC può̀ disporre di una digitalizzazione ad alta qualità del manoscritto e chiedere all’infrastruttura di provare, anche confrontandolo con altri manoscritti relazionabili, a interpretare in autonomia il documento.

FRECCIA

DIRIGENTE DI UN ENTE LOCALE

PX-VA

Guida al territorio

Il Sindaco della città eletta “Capitale della cultura” incarica una società̀ di creare, a partire dai dati di I.PaC, un’applicazione che permetta di creare percorsi culturali sul territorio che tengano conto della presenza di punti di ristoro, alberghi e altre attività commerciali.

PX-VB

Catalogo delle opere automatico

Per un’esibizione temporanea prevista nell’ambito della Capitale Italiana della Cultura 2025 si sta pensando a come valorizzare le opere del patrimonio culturali presenti sul territorio. Molte opere sono state digitalizzate in I.PaC. L’assessore alla cultura del comune decide di creare un catalogo descrittivo delle opere scaricabile automaticamente da I.PaC e di offrirlo a tutti i turisti che si recheranno in visita.

PX-VC

Disaster recovery

Un museo locale del sud Italia si trova sulle pendici di una collina. In un autunno particolarmente piovoso, a causa degli smottamenti del terreno, la struttura e le sue collezioni subiscono seri danni pregiudicandone per sempre la fruibilità̀ per i visitatori. Poiché́ le risorse fisiche delle esposizioni erano state precedentemente digitalizzate in I.PaC il Sindaco della località̀ decide di organizzare un'esibizione di quest’ultime in risposta all’indisponibilità̀ delle collezioni fisiche.

FRECCIA

Ecosistema digitale

Lo sviluppo di un ecosistema digitale del patrimonio culturale italiano risponde all’esigenza di favorire l’interoperabilità tra i sistemi e di far dialogare dati appartenenti a domini diversi della conoscenza, valorizzando il capitale semantico del patrimonio informativo pubblico. Per questo I.PaC, quale infrastruttura di servizi di arricchimento funzionale destinati ai sistemi di produzione e di accesso dei dati, ha un ruolo abilitante ed è il motore tecnologico di questo cambiamento, che vede protagonisti una rete di istituzioni che cooperano e una comunità di persone che partecipa.

All’interno dell’ecosistema digitale del patrimonio culturale, infatti, ogni attore opera tramite i propri sistemi e coesistono gli ambienti di produzione del dato, gli ambienti di manipolazione e arricchimento e gli ambienti di accesso e fruizione. L’ecosistema è dunque pensato sia per valorizzare le numerose realtà che afferiscono ai diversi domini, sia per favorire la realizzazione di nuove applicazioni di accesso.

Il nucleo centrale dell’ecosistema è costituito, oltre che da I.PaC, anche da altri due sistemi: D.PaC e D.PaaS

PX-VA

D.PaC

È la piattaforma per la Digitalizzazione del Patrimonio Culturale. Progettata per gestire il ciclo di vita dei cantieri di digitalizzazione, dalla pianificazione al collaudo, dalla descrizione dei beni fino al trasferimento delle risorse digitali nell’infrastruttura.

PX-VD

D.PaaS

È la piattaforma progettata per fornire agli sviluppatori e alle imprese le tecnologie e i servizi necessari alla creazione di nuovi servizi basati sui dati (Data Product), sfruttando alcune delle caratteristiche di I.PaC, come le tecnologie di Content processing avanzato, le descrizioni standardizzate e i modelli semantici dei beni culturali definiti e usati nei grafi di conoscenza di dominio e cross-dominio.

Ecosistema digitale

Il Piano Nazionale Digitalizzazione (LINK) intende cogliere l’opportunità offerta dal digitale per creare un ecosistema digitale della cultura capace di incrementare la domanda e ampliare l’accessibilità per diversi segmenti di pubblico
del Patrimonio culturale.

L’ecosistema digitale della cultura è pensato per attivare sinergie e valorizzare i numerosi sistemi che afferiscono alla cultura, oltre che favorire la realizzazione di nuove applicazioni di accesso.

I.PaC è uno degli elementi dell’ecosistema digitale della cultura italiana

Rappresentazione dell'ecosistema digitale

Legenda

Legenda1

Produzione di dati - risorse digitali afferenti al patrimonio culturale

Legenda2

Condivisione di dati arricchiti e servizi tecnologici

Legenda3

Campagna di digitalizzazione del patrimonio culturale

Legenda4

Applicazione / sistema informativo integrato nell’ecosistema

Legenda5

Accesso a dati e servizi tecnologici per l’utente finale

Valore culturale

Il progetto di trasformazione digitale che l’Istituto centrale per la digitalizzazione del patrimonio culturale – Digital Library sta attuando attraverso l’investimento PNRR M1C3 1.1. Strategie e piattaforme digitali per il patrimonio culturale, porta con sé una vera e propria sfida semantica.

Il patrimonio culturale è infatti frutto di un processo di riconoscimento critico, attribuzione di senso e gerarchizzazione che si rinnova in funzione delle mutate sensibilità intellettuali, politiche e culturali del tempo. 

La trasformazione digitale in atto sta modificando i confini del patrimonio culturale, che tendono a sfumare sempre più nello scenario del “paesaggio”, costituito da luoghi in cui coesistono narrazioni e relazioni, e in cui gli algoritmi aumentano la capacità di estrarre significati dai dati per rielaborali in contenuti sempre nuovi. La sfida è dunque quella di governare sistemi di conoscenza il cui confine è in movimento costante. I.PaC è questo: la radice tecnologica di quella che si preannuncia come una vera e propria rivoluzione cognitiva.

Ultime notizie

I.PaC a Forum PA 2024

I.PaC a Forum PA 2024

Mag 23, 2024

Dal 21 al 23 maggio al Palazzo dei Congressi…

Alphy 1.7.0

Alphy 1.7.0

Mag 17, 2024

Nuove integrazioni per l’Agente conversazionale di Alphabetica Alphy, l’agente…

METS ECO-MiC

METS ECO-MiC

Apr 19, 2024

Il profilo applicativo per la metadatazione del MiC Il…

Partecipa

I soggetti pubblici o privati che intendano usufruire dei servizi di I.PaC possono candidare uno o più sistemi “di produzione del dato” e/o “di accesso ai dati”, scegliendo tra due modalità di adesione:

PX-VA

Integrazione

quando un sistema conferisce tutti i propri dati (risorse del patrimonio culturale digitalizzate) che vengono quindi “ospitati”, memorizzati, processati e gestiti nel loro ciclo di vita all’interno di I.PaC. Tutti i sistemi manterranno una propria autonomia nella catalogazione delle loro risorse culturali.

PX-VD

Federazione

quando un sistema condivide solo i dati descrittivi dei beni culturali, che saranno referenziati in I.PaC e mantenuti all’interno del proprio sistema di origine. In questo caso sarà l’ente a gestire il ciclo di vita delle proprie risorse digitali.

Entra in contatto

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Entra in contatto

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
MiC_logo_esteso_NEGATIVO
LOGO-DL_t

RECAPITI

SEGUICI SU